Bisceglie

Bisceglie (IPA: [biʃˈʃɛːʎʎe], Vescégghie nel dialetto biscegliese) è un comune italiano di 55.424 abitanti della provincia di Barletta-Andria-Trani, in Puglia. Sorge sulla costa del basso Adriatico a 16 m s.l.m..È il quarto comune della provincia per numero di residenti ed il quattordicesimo della regione.È un importante centro agricolo, con industrie manifatturiere.
Bisceglie 
xsd:integer 2645291 
Bisceglie 
xsd:integer 55424 
xsd:double 6.9e+07 
xsd:integer 118225 
Bisceglie (IPA: [biʃˈʃɛːʎʎe], Vescégghie nel dialetto biscegliese) è un comune italiano di 55.424 abitanti della provincia di Barletta-Andria-Trani, in Puglia. Sorge sulla costa del basso Adriatico a 16 m s.l.m..È il quarto comune della provincia per numero di residenti ed il quattordicesimo della regione.È un importante centro agricolo, con industrie manifatturiere. 
biscegliesi 
xsd:string 76011 
xsd:string (70052 fino al 29 ottobre 2010) 
xsd:string BT 
xsd:date 2014-01-01 
xsd:double 16.0 
xsd:date 2013-06-10 
xsd:string 080 
<squareKilometre> 69.0 
Le origini del nome 
Mauro Giuliani 
Il culto dei tre Santi protettori 
Lucrezia Borgia duchessa di Bisceglie 
Casali di Bisceglie 
Don Pancrazio Cucuzziello 
Il “sospiro” 
La “Banca dei biscegliesi” 
xsd:integer 41 
xsd:integer 16 
Posizione del comune di Bisceglie nella provincia di Barletta-Andria-Trani 
xsd:integer 350 
xsd:gMonthDay --07-21 
xsd:gMonthDay --07-27 
Sull'origine del nome di Bisceglie le ipotesi più accreditate sono due. La prima sostiene che il nome derivi dal dialetto Viscile o Vescegghie che a loro volta trovano la radice nell'antica voce Visciju . Il querciolo è la quercia di Palestina, una specie che si sviluppa sia come albero che come arbusto. Tale quercia, che in Italia è solo presente in Puglia, Basilicata e Sicilia, in passato era particolarmente abbondante nella zona di Bisceglie. 
L'altra ipotesi fa risalire il nome al latino vigiliae, sentinella, nelle forme antiche Vigilas, Vigilarum civitatis, Vigilie, Vigilia e Biscilia. Questa ipotesi è stata ed è sostenuta da chi ritiene che in epoca romana esistessero nel territorio dei posti di controllo e di guardia sulla via Traiana, o ci fossero delle postazioni di guardia con torri e vedette lungo la costa, per difendere una vasta area dalle eventuali invasioni di pirati. 
thumb|upright=0.5|Don Pancrazio CucuzzielloDon Pancrazio Cucuzziello, detto anche il biscegliese, è una maschera di ispirazione locale già affermatasi nella prima metà dell'Ottocento, con grande entusiasmo del pubblico, nei teatri di Napoli. Qui, grazie all'opera dell'attore napoletano Giuseppe Tavassi e di altri autori napoletani come Pasquale Altavilla, fu il protagonista sulle scene del teatro San Carlino, in concorrenza con Pulcinella. La maschera biscegliese impersonava il tipo del pugliese trapiantato nella capitale del regno, laborioso, parsimonioso e schivo nel parlare, cioà l'esatto l'opposto del napoletano, ozioso, spendaccione e ciarliero. Guercio e claudicante, simile alla maschera veneziana Pantalone, con un abito di velluto nero e maniche, berretto e calze in rosso, appoggiandosi sul pomo di un bastone, quando appariva sulla scena provocava, anche per il suo dialetto, risate irrefrenabili. Questa maschera fu portata in auge agli inizi del Novecento da un attore biscegliese, Raffaello Bianco, che ne cambiò il nome in Pippo Cocozza, e, verso la seconda metà dell'Ottocento da uno scrittore francese, Paul De Musset, che ne prese spunto per una sua novella. Nel 1975 una compagnia teatrale barese ripropose in Puglia e anche in altri teatri italiani la maschera, un po' dimenticata, di Don Pancrazio 
thumb|upright=0.5|Mauro Giuliani”La grande scuola di chitarra che si crea nei primi decenni dell'Ottocento vede i virtuosi ed i compositori italiani ergersi a principali protagonisti: il primo di essi che si impone con autorità è Mauro Giuliani. Nel 1806 si reca a Vienna, città in cui operano alcuni strumentisti come Simon Molitor e il boemo Wenzel Matiegka, i quali benché già affermati, riconoscono in Mauro Giuliani il vero rinnovatore della chitarra. Ammiratissimo solista, Giuliani suona anche in formazioni da camera insieme con il violinista Mayseder e con i pianisti Moscheles e Hummel. In qualità di compositore egli rocca con eguale talento i diversi generi e le forme musicali del suo tempo, componendo per chitarra sola o con altri strumenti. Di particolare rilievo sono i suoi 3 concerti per chitarra ed orchestra.” 
thumb|upright=0.5|Il sospiroÈ il dolce preferito dalla pasticceria locale. Dalla sua denominazione si coglie perfettamente l'essenza del “dolce sospiro”, un impasto fatto con pochi ingredienti, banali, tutti appartenenti alla tradizione locale. Pare che la ricetta si tramandi dal lontano XV secolo, quando le Clarisse producevano e sfornavano i cosiddetti "sospiretti delle monache", realizzati con pan di Spagna farcito con crema e il tutto ricoperto da una glassa di colore rosa. Una leggenda racconta che questi dolci furono preparati dalle Clarisse in occasione delle nozze di Lucrezia Borgia. Ma la sposa non arrivò mai; nel frattempo gli ospiti sospiravano appunto per l'attesa e quindi questi dolci, dalla forma provocatoria perché riproducenti il seno femminile, furono mangiati. Una testimonianza certa arriva dall'eremita Aleandro Baldi che li descrive così: "A Visceglia si confeciuma una zacchero assai gustoso e buono". 
thumb|upright=0.5|Bisceglie. La sede della Banca Popolare di BiscegliePer ben settantasette anni la stabilità e la vitalità dell'economia locale è stata garantita dalla Banca Popolare di Bisceglie. In città già sul finire dell'Ottocento operava la Banca Tupputi a sostegno del credito agrario. Nel 1913 alcuni professionisti ed un gruppo di commercianti diedero vita ad un nuovo Istituto bancario che, nonostante il modesto avvio, attraversò tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio degli anni Settanta, un considerevole periodo di crescita patrimoniale sotto la guida di Michele Dell'Olio. La Banca Popolare di Bisceglie, oltre alle normali operazioni bancarie, sostenne l'economia locale concedendo crediti sulle nuove costruzioni di alloggi, anticipazioni ad imprese che lavoravano nel settore dei lavori pubblici, crediti ad imprese commerciali ed artigiane. L'Istituto, che aveva filiali a Canosa di Puglia, Trani e Corato, dopo la fusione con la Banca del Salento, ha chiuso i battenti nel 1990. 
destra 
Bisceglie-Gonfalone.png 
xsd:float 41.9933 
xsd:float 16.7061 
xsd:string 41.99333333333333 16.70611111111111 
Bisceglie 
xsd:integer 16 
Map of comune of Bisceglie .svg 
xsd:integer 6925 
xsd:integer 55424 
ITA 
BT 
Bisceglie composizione.png 
Bisceglie-Stemma_it.png 
xsd:integer
Puglia 
Barletta-Andria-Trani 
Francesco Carlo Spina 
xsd:date 2013-06-10 
xsd:integer 14 
xsd:integer 2736 
xsd:integer 30 
xsd:integer 742 
xsd:date 2014-01-01 
xsd:gMonthDay --10-29 
xsd:integer 80 
+1 
xsd:integer 110003 
A883 
xsd:integer
xsd:integer 1202 
biscegliesi 
Primo weekend di agosto 

risorse dalla linked data cloud

  • Chi Siamo
  • Linked Data
  • Esempi query
  • This content was extracted from Wikipedia and is licensed under the Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License